LILT for Women, Campagna Nastro Rosa 2018: visite gratuite. Anche quest’anno ottobre è il mese della prevenzione

Tumori: parte la carovana della prevenzione
28 settembre 2018

LILT for Women, Campagna Nastro Rosa 2018: visite gratuite. Anche quest’anno ottobre è il mese della prevenzione

Il cancro al seno rappresenta il primo “big killer” per la donna.
Paradossalmente, nonostante l’annuale costante crescita dell’incidenza di questa patologia, si registra una sia pur lenta ma continua e progressiva diminuzione della mortalità.
Tanto grazie ad una sempre più corretta informazione quanto ad una maggiore sensibilizzazione della donna verso la diagnosi precoce, rivelatasi strategicamente determinante e vincente in termini di guaribilità e di migliore qualità di vita.
In Italia si stima che nel 2019 saranno oltre 52.000 i nuovi casi di cancro della mammella.
Ed abbiamo ancora 5 problematiche da affrontare e risolvere:

  1. individuare il cancro in fase preclinica (attraverso la genomica, la biopsia liquida)
  2. lo sviluppo del tumore al seno in età sempre più giovanile;
  3. uniformare necessariamente l’estensione dello screening senologico in tutte le Regioni;
  4. bloccare l’eventuale insorgenza di metastasi;
  5. prendersi cura delle oltre 700.000 donne che hanno vissuto l’esperienza cancro, personalizzando il relativo follow-up.

Nell’ultimo quinquennio l’aumento dell’incidenza del tumore al seno è stata pari ad oltre il 15% registrando, in particolare, un incremento tra le giovani donne di età compresa tra i 35 ed i 50 anni. Si tratta di una fascia di età quindi “esclusa” dal programma di screening previsto (per ora) dal Servizio Sanitario Nazionale, riservato alle donne di età compresa tra i 50 ed i 69 anni.

La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), con la sua campagna di sensibilizzazione Nastro Rosa ogni anno, nel mese di ottobre, ribadisce il ruolo della cultura della prevenzione come metodo di vita, affinché tutte le donne si sottopongano a visite senologiche, consigliando loro
a partire dai 18 anni praticare l’autoesame mensile;
a 30 anni effettuare annualmente una visita senologica con esame ecografico;
a 40 anni sottoporsi ad adeguati controlli clinico-strumentali (visita senologica, eco – mammografia).

Il cancro della mammella non deve considerarsi come una singola malattia, presentando comportamento biologico e prognosi differenti. Sicché identificare correttamente le caratteristiche biomolecolari del tumore garantisce le innovative possibilità terapeutiche, sempre più appropriate, mirate e personalizzate.

Oggi la disponibilità sia di nuove metodiche terapeutiche sia di sempre più raffinate tecniche di “imaging” ha comunque di fatto incentivato le donne a sottoporsi a periodici controlli clinico-strumentali, per una efficace diagnosi precoce ed una salutare longevità.
Inoltre, la guaribilità del cancro al seno è attestata intorno all’80-85% dei casi. Questo significa che il 15-20% delle donne che affrontano la malattia non riescono a vincerla. Ma sappiamo anche che una diagnosi precoce di cancro al seno, quando il tumore è di pochi millimetri, comporterebbe una guaribilità superiore al 95% dei casi.

Prof. Francesco Schittulli
Senologo-chirurgo oncologo
Presidente Nazionale Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori

Come ogni anno LILT – Lega italiana per la Lotta Contro i Tumori lancia la Campagna Nastro Rosa, con il patrocinio del Ministero della Salute, con l’obiettivo di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella.

Le visite gratuite

Per diffondere la cultura della prevenzione, per tutto il mese di ottobre sarà possibile sottoporsi a visite senologiche gratuite presso le 106 Sezioni Provinciali LILT e gli oltre 350 ambulatori, dove si potranno anche avere consigli e trovare materiali informativi e aderire alle iniziative delle varie Sezioni.

Per farlo è necessario prenotarsi al numero verde SOS LILT 800 998877, dove si possono anche ottenere informazioni e indicazioni riguardo le proprie necessità.

Per maggiori informazioni e per l’elenco delle sedi LILT scarica l’opuscolo